link
  • English
  • Deutsch

Sentieri e passeggiate

  • Home page
  • invia ad un amico
  • Login
  • Visualizza schermo intero
la rara pianella della Madonna cypripedium calceolus del Monte Baldo

Sentiero sul Monte Baldo n. 1

Da Canale d'Adige (146 mt) a Pozza Gallett (556 mt) con ritorno a Canale attraverso il Monte Corde Spino (628 mt) ed il forte S.Marco (451 mt)

Ingiustamente trascurato dalla maggior parte degli escursionisti il versante atesino del Monte Baldo offre innumerevoli opportunità di gite e traversate in ambiente grandioso e selvaggio. Fra queste rientra il sentiero che da Canale d'Adige sale al Monte Cordespino attraversando in modesta pendenza tutta la grande terrazza boscosa compresa, sopra e sotto, fra le grandi pareti calcaree che incombono sulla Val d'Adige nel tratto fra Canale, appunto, e i Tessari. Tornando poi a valle lungo il crinale meridionale del Cordespino attraverso i sentieri di collegamento fra le cave di marmo e la mulattiera del Forte San Marco (vedi anche Itinerario II), si effettua uno dei più completi ed interessanti iti-nerari ad anello di tutta la bassa Val d'Adige.

Sentiero sul Monte Baldo n. 4

Da Spiazzi (864 metri) a Ferrara di Monte Baldo (849 metri) per il Santuario della Madonna della Corona (773 metri) ed il sentiero della Valle dell'Orsa.

Un tempo conoscevano questo sentiero solo i torrentisti, che lo percorrevano per scendere all'inizio della lunga serie di calate in corda doppia che consentono di visitare uno dei canyon più celebri di tutte la Alpi. Adesso, grazie al massiccio "restauro" operato dalla Comunità Montana del Baldo, è diventato agibile a tutti, quantomeno a chi non soffre di vertigini ed a chi è abituato a camminare su terreno ora reso sicuro da corde fisse e parapetti, ma in alcuni tratti molto esposto sul sottostante vuoto della Valle delle Pissotte.

Sentiero sul Monte Baldo n. 6

Da Saugolo di Ferrara di Monte Baldo (1000 metri circa) a La Fabbrica (900 metri circa ed a Caprino (260 metri) attraverso i Colonei.

Con questo itinerario, che ha inizio in località Saugolo (1000 metri circa) e che termina in località La Fabbrica, presso i prati di Piore (900 metri circa), si visita una delle zone più interessanti del versante meridionale del Monte Baldo. Esso attraversa infatti settori del versante sudorientale del Monte Baldo intensamente sfruttati dall'uomo nel corso dei secoli. Allevamento e produzione casearia sono state le risorse principali di questa zona dove, non a caso, sono stati realizzati edifici particolari (le malghe ed i baiti) strutturati appositamente per le esigenze legate a queste attività. Questo percorso rappresenta inoltre la tappa finale della lunga traversata in mountain-bike - di solito effettuata da nord a sud con partenza da Bocca Tratto Spino (o Tredes pin) - del Monte Baldo. Sempre se si effettua questo itinerario in mountain-bike, dalla località La Fabbrica-Piore la via di discesa più adatta alle due ruote è quella che, lungo il sentiero segnalato dal C.A.I. con il n° 53, passa sotto le strapiombanti rocce del Sengio Rosso e, raggiunta la contrada di Braga (590 metri), si collega infine alla strada per Vilmezzano e Caprino. A piedi, invece, è consigliabile proseguire l'escursione fino a Caprino scendendo verso sud per il sentiero segnalato dal C.A.I. con il n° 662 che passa per Gaon.

Sentiero sul Monte Baldo n. 8

Dal rifugio "G. Barana" al Telegrafo (2150 metri) ad Assenza di Brenzone (66 metri) attraverso la Valle delle Nogare, Malga Brione e Sommavilla

Questa lunghissima discesa, che copre un totale di circa 2000 metri di dislivello, rappresenta il secondo tratto della traversata da est ad ovest del Monte Baldo. La prima parte è segnalata dal C.A.I con il n° 654 e, in senso inverso, costituisce l'accesso più comodo al circo (glaciale) doppio del Telegrafo (e quindi anche al rifugio omonimo) per chi proviene dal versante del Lago di Garda, cioè Prada o Brenzone attraverso la rotabile asfaltata detta "Strada della Val Trovai". Anche che lungo questo itinerario sono presenti numerosi fenomeni glacio-carsici ed in più è possibile effettuare la panoramica variante del "Forcelin". Raggiunta la strada asfaltata detta appunto "della Val Trovai", anziché scendere a Brenzone lungo la prosecuzione del sentiero n° 654 (e quindi passare per Malga Zovel ed intersecare poi più volte la strada asfaltata) risulterà più vario ed interessante imboccare a destra il sentiero n° 32 per Malga Brione e da questa scendere per il n° 30 ad Assenza passando per il borgo medioevale di Sommavilla.

 

Hotel Ristorante "Del Baldo" Ferrara di Monte Baldo Verona Italy Piazza Cantore
cell 339 8992731
E-mail: info@hotelbaldo.it P.I. 13322390157